+39 0184 215504
info@torri-superiore.org




Il villaggio di Torri viene citato per la prima volta in un documento del 1073, nella frase “Actum in castro ubi Ture dicitur” (“Questo accadde in un villaggio chiamato Ture”, Cais, Contea di Ventimiglia). L’origine dell’insediamento medievale a Torri Superiore, un complesso di edifici separati di poche centinaia di metri dal villaggio principale, è incerta, ma si ritiene che possa risalire al tardo XIII secolo.

Storia1Fu un periodo di invasioni dalla costa e di grande sconvolgimento sociale e religioso nella regione, e ciò potrebbe spiegare la particolare struttura del villaggio: simile ad una roccaforte, notevole per dimensione (circa 3000 metri quadri su otto livelli, racchiusi da un perimetro di 50 x 30 mt.), in grado di chiudersi per offrire protezione ai suoi abitanti.

Torri Superiore è notevole non solo per la sua architettura originale e compatta, ma anche per il suo buono stato di conservazione.

Il villaggio medievale è composto da tre corpi principali, separati da due vicoli interni in parte coperti. Oltre 160 vani con soffitti a volta (a botte o a crociera) solo collegati da un intricato labirinto di scale e terrazzi. La pietra, la calce e la sabbia utilizzate per la costruzione erano di origine locale, e provenivano dalla valle o dal letto del vicino torrente Bevera.

torre est primaLa costruzione degli edifici a Torri Superiore si è protratta per diversi secoli, le ultime parti del paese furono costruite intorno alla fine del secolo 18esimo. In quell’epoca il villaggio raggiunse la massima densità (si pensa intorno ai 200 abitanti) prima che iniziasse lo spopolamento dovuto principalmente alla carenza di lavoro.

Si trovaStoria3no ancora tracce di vita comune: una grande sala probabilmente usata come cucina, un forno all’aperto e un tessuto fitto e intricato di stanze a terrazze che ad angolo offrono ai visitatori scorci inaspettati e sorprendenti.

fascia-torrisuperiore